Trombate…

La presente comunicazione per evidenziare il fatto che il Comitato Aeroporto Sostenibile gode di totale autonomia e non ha nessun legame diretto col mondo della politica, anzi.

Il sig. Marco Tonin ha aderito al Comitato come simpatizzante: di fatto non ha mai esercitato alcuna pressione, né alcuna minima indicazione sulle azioni e sui contenuti del C.A.S.; l’aver abbinato il suo nome al Comitato é un atto di pura e bassa strumentalizzazione politica.

Invitiamo il sig. Joseph Rivolin a trovare anche 1 solo intervento redatto dal sig. Tonin in questo blog.

“La battaglia dei trombati”

http://www.aostasera.it/articoli/2012/08/11/23475/union-valdotaine-alpe-la-battaglia-dei-trombati

Il Comitato é nato da cittadini valdostani convinti – sempre di più – dell’errata trasformazione dell’aeroporto Corrado Gex, a vocazione turistica, in aeroporto commerciale: i danni economici sono sotto agli occhi di tutti. E’ comprensibile che anche qualche politico (trombato e non) sostenga l’evidenza, magari appoggiandoci. Alcuni politici di fatto sono anche persone civili.

Piuttosto dall’articolo di Le Peuple emerge lampante un dato: tante persone vogliono fare politica, forse un po’ troppe. Le potenziali ragioni sono plurime.

Perché piuttosto la redazione di Le Peuple non parla dei costi dell’aeroporto commerciale, dei lavori fermi (!) dell’insostenibile aerostazione, degli innumerevoli vigili del fuoco e del (tanto) personale occupato a fare quasi nulla in aeroporto?

In una recente intervista col sindaco di Rieti (patria del volo a vela italiano) il pilota Alvaro d’Orléans evidenzia: “la cosa più bella, oltre ad ogni emozione che il volo suscita, è il fatto che quando sei in aria non ci sono favori, raccomandazioni, ma si è soli con le proprie conoscenze e abilità… se va bene hai fatto bene, se va male hai sbagliato, e colpe e meriti sono soltanto tuoi”.

Dove vola la politica valdostana?

C.A.S.

(…di più).

 

Tag: , , ,

4 Risposte to “Trombate…”

  1. Paolo Meneghini Says:

    Il problema dei nostri amministratori è la democrazia. Con tutti i problemi che già hanno a “gestire e spartire” sono obbligati a perdere tempo con le lamentele dei cittadini. Non c’è più religione!

  2. Francois Says:

    Ci terrei a precisare che tutto quanto fatto in questo aeroporto non è stato voluto ne dai dipendenti( questi ultimi oramai prestano volontariato) ne da altre figure coinvolte di conseguenza.
    Ne è corretto dire che sono li quasi a far nulla, visto che hanno l’obbligo morale e sono perseguibili penalmente in caso di mancata prestazione essendo presente un servizio di soccorso.
    Detto questo, oramai l’aeroporto, voluto o non voluto, è configurato in questo modo…

  3. aeroportosostenibile Says:

    E’ chiaro che i dipendenti non hanno colpe.

    Un paio di maniche e’ la squadra dell’elisoccorso, un altro paio la polizia ed i vigili del fuoco che non hanno ragion d’essere; l’aeroporto cosi’ com’e’ configurato – come giustamente lei fa notare – e’ un colabrodo di denaro pubblico e va riconvertito al solo volo turistico.

    L’aerostazione con 2 passeggeri al giorno non ha senso e mai ne avra’.
    Ne faranno un centro commerciale (se/quando la finiranno)?

  4. armando fiou Says:

    L’aeroporto di Aosta è destinato ad un’inesorabile fine. Tra 5, 10, 15 anni qualcuno dirà che si era scherzato e che è meglio chiudere (vedi trenino cogne). Nel frattempo il conto in banca di qualcuno avrà qualche zero in più. E’ questo l’obiettivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: