AVDA: prove di (non)gestione

scivolando sulla neve

Oggi sono stato in aeroporto, all’ufficio AVDA, per chiedere informazioni sulla probabile riapertura della pista.
L’impiegato dell’AVDA mi ha detto che è da lunedì 18/01/2010 che stanno cercando di liberare la pista dal ghiaccio senza riuscirvi.
Mi sembra una affermazione abbastanza grave per il gestore di un aeroporto commerciale nel cuore delle alpi.

AVDA
, non essendo in grado di sghiacciare la pista, DIMOSTRA DI NON POTER GARANTIRE L’AGIBILITÀ DELL’AEROPORTO DI AOSTA DURANTE I MESI INVERNALI.

– ing. Paolo Meneghini

9 Risposte to “AVDA: prove di (non)gestione”

  1. AVDA Says:

    Ie’ che qui abbiamo finito i sordi, e nun c’é possibbile sgielare a pista nuova. Che ve devo dì?! Nun se po’ volare, ao.

  2. Bruno Fracasso Says:

    Propongo di farli atterrare vicino a casa mia. C’è tanto di quel sale che nulla gelerà per i prossimi 2500 anni…

  3. aeroportosostenibile Says:

    Mentre qui ci scontriamo con una realta’ lontana dalle logiche del vero volo, in Australia pubblicano un articolo dove citano Aosta fra le memorie di volo a vela piu’ istruttive al mondo.

    E questo lo pubblicano sull’Australian Soaring Magazine; l’immagine del volo a vela valdostano e’ – sarebbe – una miniera d’oro (sapendola mettere a frutto).
    Fate voi le dovute riflessioni.


    – Enrico Girardi

  4. carmine bianco Says:

    Quelli dell’ AVDA hanno il cuore di ghiaccio

  5. Beppe Says:

    Aggiungerei che quelli di AVDA hanno il portafogli al posto del cuore e della mente

  6. Nelson Says:

    Non farei di tutta un’erba un fascio… Avda è un’azienda, fatta di persone che ci lavorano e persone che la “dirigono”. Io e i miei colleghi ci siamo spaccati schiena e mani (per non essere volgari) per spaccare il ghiaccio a dare a tutti la soddisfazione più grande, tornare con l’ala fissa a volare sui cieli valdostani atterrando ad Aosta. Tutti noi dell’ OPS/AFIS siamo piloti, chi della domenica chi sta per raggiungere licenze professionali… E non credo che nessuno abbia il cuore di ghiaccio, ne tanto meno il portafogli al posto del cuore, essendo che siamo tutti sulla stessa barca.. Perchè se voi volate, noi ci divertiamo lavorando.. Se l’aeroporto è chiuso.. Beh.. Vi lascio immaginare come sia far passare 8 ore…

  7. Enrico Says:

    Invito tutti i partecipanti a non voler confondere questo blog, per i temi che tratta, con uno spazio per l’aeroclub.
    Qui si discutono le problematiche del volo commerciale e dell’ampliamento aeroportuale.

    Grazie

  8. lux populi Says:

    Giovane Nelsen! Una società di gestione dovrebbe gestire per mestiere! Non è che pulire la pista sia un optional che concedete all’ala fissa.
    Che cosa ti aspettavi? Che arrivasse l’ala battente? Quella degli uccelli… nel senso fallico del termine?
    Voi siete su una barca comoda, al punto tale che fate fatica a far passare 8 ore lavorative perchè spesso non sapete che cavolo fare!! Lo scrivi tu.
    E siete pure pagati. Complimentoni!!

  9. Nelson Says:

    Pagati?? Se.. Quando arriva lo stipendio ti mando un fax

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: