PROGETTO APPROVATO TRA LE POLEMICHE

21 Agosto 2009 La Stampa

SAINT-CHRISTOPHE.

PROGETTO APPROVATO TRA LE POLEMICHE

Via libera all’aerostazione

Il progetto della nuova aerostazione dell’aeroporto Corrado Gex ha ricevuto il via libera del Consiglio comunale di Saint-Christophe, con il voto contrario del consigliere di maggioranza Fabio Persico e delle due forze di opposizione. L’assemblea ha dato anche mandato al sindaco François Désandré (l’iniziativa è partita dall’assessore ai Servizi sociali ed ex sindaco Paolo Cheney) di trattare con la Regione per portare a casa i lavori sulla viabilità e i parcheggi dell’area sportiva, che nel 2006 erano previsti dall’accordo di programma sull’ampliamento dell’aeroporto.
Ieri pomeriggio quello sull’aerostazione che sarà costruita dove sorgeva il Palaceva è stato l’argomento clou della seduta. Rispetto a una delibera approvata dal Consiglio comunale tre anni fa, è cambiato lo strumento urbanistico che regola i rapporti tra Comune e Regione. Non più un accordo di programma, ma un’intesa. «In sostanza – ha detto Désandré – consente di procedere in deroga rispetto al Piano regolatore: l’aerostazione sarà alta 15 metri e il limite in quella zona è di 10, e le aree verdi previste sono più piccole confrontate con i limiti consueti».
Critiche le minoranze. «L’aerostazione è sovradimensionata, anche se più piccola rispetto a quella prevista in origine» ha detto Amedeo Bologna di Sinistra per St-Christophe. Gli ha fatto eco Ivano Boffetti, della Lista Civica: «Siamo contrari, condivido il pensiero di Bologna». Secondo Persico, invece, «non è possibile dare l’assenso a uno scempio del territorio perché esiste un aeroporto regionale». L’ex sindaco Cheney ha ribadito di essere favorevole al progetto della nuova aerostazione, ma si è detto «perplesso per la procedura. L’utilizzo dell’intesa non fa cadere i presupposti politici dei lavori nella zona sportiva. Penso che sindaco e giunta dovrebbero continuare a trattare su questo argomento».
La proposta è stata accettata e formalizzata dopo una riunione della maggioranza per la stesura di un documento. Il primo cittadino ha detto anche che «il Comune riceverà 2 milioni e mezzo di euro per l’esproprio del terreno dell’ex Palaceva, oltre a 3 milioni e 800 mila euro già previsti dalla finanziaria regionale 2007». Questi ultimi saranno usati per lavori sulla strada di Champapon, oltre che per zone di sosta nel capoluogo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: